Tag: Verso il Parco Nazionale del Velino Sirente

Apertura della Regione sulla proposta di istituzione del P.N. Velino Sirente

Monte Velino

Importante apertura della Regione sulla proposta di istituzione del Parco Nazionale del Velino Sirente

Il Presidente di Appennino Ecosistema plaude alla decisa svolta impressa alla politica regionale dal Presidente Pierpaolo Pietrucci

L’Aquila, 24/05/2016.  In merito alle dichiarazioni rilasciate stamattina dal Presidente della Commissione Territorio, Ambiente e Infrastrutture del Consiglio Regionale Abruzzese Pierpaolo Pietrucci, il Presidente di Appennino Ecosistema Bruno Petriccione ha dichiarato:

“Finalmente un autorevole esponente della maggioranza che governa la Regione, oltretutto con responsabilità dirette nella politica ambientale, apre ad un reale rilancio della protezione degli ecosistemi del massiccio del Velino Sirente, esprimendo interesse ad esaminare la proposta di istituzione del Parco Nazionale, lanciata meno di tre mesi fa da Appennino Ecosistema. Condivido profondamente questa nuova idea di Parco e richiedo l’immediato avvio della fase di concertazione preannunciata da Pietrucci, per esaminare carte alla mano i dettagli e la zonazione del futuro Parco Nazionale elaborata dagli esperti di Appennino Ecosistema. Dopo il sostegno aperto alla proposta di Parco Nazionale da parte delle Amministrazioni Comunali di Ocre, San Demetrio ne’ Vestini e Magliano de’ Marsi, il sostegno condizionato di quelle di Lucoli e L’Aquila e l’interesse a vagliarla da parte di molte altre, è ora l’Amministrazione Regionale che deve farsi carico di un suo attento esame, per poi formalizzare la proposta al Ministero dell’Ambiente”.

Il Presidente Bruno Petriccione ha concluso “Finalmente la Regione si accorge che l’unico modo per dare vigore al Parco Regionale è quello di attuare subito la Legge Regionale adottando i previsti ed obbligatori Piano del Parco (con relativa zonazione) e Piano di sviluppo economico e sociale, in ritardo da ormai 27 anni, in mancanza dei quali le popolazioni residenti sono tenute da decenni in un assurdo stato di carcerazione preventiva e senza alcuna possibilità di sviluppo. L’area del futuro Parco Nazionale merita una protezione e una gestione all’altezza dei suoi enormi valori ecologici, che ne fanno una delle più importanti di tutti gli Appennini per la protezione delle specie e degli ecosistemi montani”


Scoperta una nuova rara specie vegetale nel futuro P.N. Velino Sirente

Fritillaria-tenella-BS030513-061

Durante l’escursione di “Appennino Ecosistema” è stata scoperta la rara Fritillaria montana in Comune dell’Aquila

L’Aquila, 23/05/2016.

La flora del futuro Parco Nazionale del Velino Sirente si è improvvisamente arricchita di un altro gioiello di biodiversità, proprio nella Giornata mondiale della biodiversità proclamata dalle Nazioni Unite. Infatti ieri, domenica 21, nel corso dell’escursione di Appennino Ecosistema seguita al workshop svoltosi a Lucoli sabato 21, è stata scoperta una nuova piccolissima popolazione della rara e bellissima specie vegetale Fritillaria montana (della famiglia delle Liliaceae), conosciuta finora nel territorio del Parco Regionale Sirente Velino solo in pochissime stazioni e mai avvistata nel territorio del Comune dell’Aquila (che ancora non ne fa parte). La specie, considerata a rischio dalla Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), è presente in tutto il massiccio del Velino Sirente solo molto sporadicamente e sempre in piccolissime popolazioni.

La nuova popolazione scoperta nella zona del Monte Ocre (L’Aquila), la cui presenza è stata confermata dai botanici di Appennino Ecosistema, consiste soltanto in circa una decina di piantine. Si trova nel territorio del Comune dell’Aquila, in un’area oggi protetta solo da un Sito di Interesse Comunitario (il SIC IT711026 “Monte Sirente e Monte Velino”) e domani dalla Zona A (Riserva Integrale) del futuro Parco Nazionale del Velino Sirente.

La proposta di istituzione del Parco Nazionale, dopo il workshop di sabato scorso a Lucoli nel quale è stata presentata e discussa con gli Amministratori ed i cittadini la bozza di zonazione del futuro Parco elaborata dagli esperti di Appennino Ecosistema, diviene ogni giorno che passa più solida: sostegno aperto delle Amministrazioni Comunali di Ocre, San Demetrio ne’ Vestini e Magliano de’ Marsi, sostegno condizionato di quelle di Lucoli e L’Aquila, interesse a vagliare la proposta di Fontecchio, Castel di Ieri, Acciano e Massa d’Albe; e poi continue scoperte di nuovi elevatissimi valori ambientali (dopo l’Adonis vernalis, ora la Fritillaria montana), che fanno dell’area del futuro Parco Nazionale una delle più importanti di tutti gli Appennini per la protezione delle specie e degli ecosistemi montani.


Sabato 21 maggio, workshop aperto a tutti

Gymnadenia-conopsea-VL3711-D035

Workshop aperto a tutti.
Sabato 21 maggio 2016, ore 9:00

Lucoli Civic Centre, Lucoli (AQ), frazione S.Menna.

In occasione della Giornata Mondiale della Biodiversità proclamata dall’ONU, Amministratori, ricercatori, ecologisti, ambientalisti e semplici cittadini si incontrano per discutere insieme sulla proposta di istituzione del Parco Nazionale del Velino Sirente e sulla relativa bozza di zonazione elaborata dagli esperti di Appennino Ecosistema

Programma

Ore 9:00 Intervento di benvenuto
Gianluca Marrocchi, Sindaco di Lucoli
Ore 9:10 La peculiare biodiversità del territorio di Lucoli
Rossano Soldati, Vicesindaco di Lucoli
Ore 9:20 Presentazione della proposta di istituzione del Parco Nazionale e zonazione
Bruno Petriccione, Presidente di Appennino Ecosistema
Ore 9:40 Il patrimonio geologico del Parco Nazionale
Silvano Agostini, Consigliere scientifico di Appennino Ecosistema
Ore 10:00 Il patrimonio botanico del Parco Nazionale
Gianfranco Pirone, Consigliere scientifico di Appennino Ecosistema
Ore 10:20 Il patrimonio zoologico del Parco Nazionale
Vincenzo Ferri, Consigliere scientifico di Appennino Ecosistema
Ore 10:40 Il patrimonio storico-archeologico del Parco Nazionale
Patrizia Tartara, ricercatrice del Consiglio Nazionale delle Ricerca
Ore 11:00 Il progetto “Casa e Bottega” per la rivitalizzazione del Comune di Fontecchio
Sabrina Ciancone, Sindaco di Fontecchio
Ore 11:20 Il progetto di valorizzazione turistica delle Doline di Ocre
Fausto Fracassi, Sindaco di Ocre
Ore 11:40 La nuova rete sentieristica del Comune di San Demetrio ne’Vestini
Silvano Cappelli, Sindaco di San Demetrio ne’Vestini
Ore 12:00 Interventi di Ambiente e/è Vita, Italia Nostra, Legambiente, Mountain Wilderness, Pro Natura, Salviamo l’Orso e WWF
Ore 12:30 Ore 12:30 Interventi degli Amministratori locali e dei cittadini
Ore 13:30 Chiusura del workshop

Iphiclides-podalirius-MJ2707-C007-QIL GIORNO SUCCESSIVO, DOMENICA 22 MAGGIO, SI TERRA’ UN’ESCURSIONE CON PARTENZA ALLE ORE 9:00 DA CASAMAINA DI LUCOLI ED ARRIVO A SAN MARTINO D’OCRE, NEL CUORE DELLA NUOVA AREA DEL PARCO NAZIONALE
(la partecipazione è libera, per organizzare il rientro alla località di partenza saranno presi accordi durante il workshop)

Dopo il workshop, alle ore 15, si riunirà nello stesso luogo l’Assemblea ordinaria di Appennino Ecosistema, riservata agli aderenti.


COME ARRIVARE AL LUCOLI CIVIC CENTRE
Si tratta di un grande edificio, costruito dopo il recente sisma, che sorge nei pressi del campo sportivo della frazione S. Menna di Lucoli, a quota 900 m s.l.m.. Come riferimento per il navigatore, impostare Via S. Menna 36, Lucoli. Coordinate geografiche: N 42 18 46 E 13 19 08 .
Provenendo dall’A24, uscire a L’Aquila Ovest, prendere la SS 17 in direzione Antrodoco, svoltare a sinistra in direzione Lucoli e percorrere la SR 584 fino alla frazione Casavecchia, dove si svolta a destra in direzione S. Menna e si arriva in breve a destinazione (totale 13 km, tempo di percorrenza 20 minuti circa).

map-small


Workshop: Verso il P.N. Velino Sirente

Workshop-Lucoli
In occasione della Giornata Mondiale della Biodiversità proclamata dall’ONU, Amministratori, ricercatori, ecologisti, ambientalisti e semplici cittadini si incontrano per discutere insieme sulla proposta di istituzione del Parco Nazionale del Velino Sirente e sulla relativa bozza di zonazione elaborata dagli esperti di Appennino Ecosistema.


Verso il Parco Nazionale del Velino Sirente

Piano di lavoro per l’istituzione di un Parco Nazionale con confini, zonazione e regime di protezione scientificamente fondati

Prima bozza di carta del progettato Parco Nazionale del Velino Sirente

Prima bozza di carta del progettato Parco Nazionale del Velino Sirente

Premessa

Il Parco Naturale Regionale Sirente-Velino, istituito nell’ormai lontano 1989, non è mai entrato compiutamente nella necessaria operatività, comportando soltanto vincoli subiti passivamente dalla popolazione. Dopo quasi trent’anni, ancora non è stato approvato il Piano del Parco, che avrebbe potuto lanciare una gestione del territorio scientificamente fondata ed adeguata da un lato alle sue qualità ecologiche e dall’altro alle attività umane con queste compatibili: ciò dimostra l’incapacità e l’inadeguatezza dell’Amministrazione Regionale Abruzzese di gestire un’area così importante e vasta. Le Leggi Regionali sul Parco prevedevano l’entrata in vigore della relativa zonazione entro 6 mesi (LR n. 54/1989), entro 18 mesi (LR n. 23/2000) ed ancora entro 18 mesi (LR n. 42/2011), nonché nell’ultimo caso anche la possibilità di esercitare i poteri sostitutivi da parte della Giunta Regionale.

Il Piano del Parco e la Zonazione

L’istituzione del Parco Nazionale del Velino-Sirente”, oltre a garantire la conservazione del suo immenso patrimonio di biodiversità (50 comunità vegetali, 1600 specie vegetali e 200 di vertebrati), consentirebbe di procedere alla gestione razionale del territorio, attraverso una zonazione che sottoponga alla massima tutela le aree A e B ove sono presenti ecosistemi e specie di elevatissimo valore e liberalizzi gli usi tradizionali e turistici nelle aree C di “pre-Parco” ove gli ecosistemi sono meno sensibili e di minore valore-
L’intenzione di “Appennino Ecosistema” è di arrivare all’approvazione della zonazione, sulla base dei due poderosi studi già esistenti e mai utilizzati (completati nel 1998 e del 2010), già nella fase di istituzione del nuovo Parco Nazionale che avverrà, come previsto dalla Legge n. 394/1991, con Decreto del Presidente della Repubblica.

Le Doline di Ocre, già candidate a divenire Riserva Naturale Statale, sono ora proposte dai Comuni di Ocre e dell'Aquila come punta di diamante del futuro Parco Nazionale del Velino Sirente

Le Doline di Ocre, già candidate a divenire Riserva Naturale Statale, sono ora proposte dai Comuni di Ocre e dell’Aquila come punta di diamante del futuro Parco Nazionale del Velino Sirente

Le consultazioni in corso

E’ stata avviata un’intensa fase di consultazione delle 25 Amministrazioni Comunali interessate dal Parco, a partire da quelle più piccole della Valle Subequana, e di tutte le forze politiche regionali, in modo da ampliare progressivamente il sostegno alla proposta. Hanno già espresso la loro adesione, o almeno il loro interesse ad approfondire la proposta, le Amministrazioni Comunali di:
• Ocre adesione piena
• Lucoli adesione condizionata a consultazioni pubbliche
• Magliano de’ Marsi adesione piena
• San Demetrio ne’ Vestini adesione piena
• Fagnano Alto consultato
• Fontecchio interesse ad approfondire
• L’Aquila interesse ad approfondire
• Acciano interesse ad approfondire

L’elaborazione della bozza di zonazione

Gli ecologi, geologi, giuristi e conservazionisti che compongono il Consiglio scientifico di “Appennino Ecosistema” si metteranno presto all’opera per ridisegnare caratteristiche, territorio e modalità di gestione della nuova grande area protetta, sulla base dell’enorme mole di documentazione già disponibile, e innanzi tutto degli Studi finalizzati all’elaborazione del piano del Parco elaborati dall’Università dell’Aquila nel 1998 e da Agriconsulting SpA nel 2010.

Il convegno pubblico

La bozza di proposta compiuta di zonazione sarà presentata e discussa con tutti i soggetti interessati nel corso di un Convegno pubblico che si terrà a Lucoli il 22 maggio 2016, in occasione della Giornata mondiale della biodiversità proclamata dalle Nazioni Unite.

Il nuovo Parco Nazionale

Il nuovo Parco Nazionale potrebbe comprendere il territorio di tutte le aree protette del massiccio, a livello regionale, nazionale ed europeo, in linea con quanto richiesto dalla Strategia Nazionale sulla Biodiversità e dalla Strategia Nazionale di Adattamento ai

Prima bozza di carta del progettato Parco Nazionale del Velino Sirente, con i confini dei Comuni interessati

Prima bozza di carta del progettato Parco Nazionale del Velino Sirente, con i confini dei Comuni interessati

Cambiamenti Climatici, per un totale di circa 100.000 ettari. Ci troviamo infatti in una vasta area posta proprio al centro delle maggiori aree protette a livello nazionale ed europeo (i Parchi Nazionali del Gran Sasso, della Majella e d’Abruzzo), con le quali il massiccio del Velino-Sirente compone una formidabile rete ecologica, un vasto territorio di quasi 100.000 ettari protetto a livello nazionale dalla Riserva Naturale Orientata Monte Velino, a quello regionale dal Parco del Sirente-Velino (oltre che dalla Riserva Naturale Gole di San Venanzio) in Abruzzo e dalla Riserva Naturale Montagne della Duchessa nel Lazio, ed anche a livello di Unione Europea attraverso due grandi Zone di Protezione Speciale e ben sette Siti di Interesse Comunitario.

Scaricare la prima bozza di carta del progettato Parco Nazionale del Velino Sirente con proposta di zonazione (pdf 5MB)